Poesia. Tracce nel cuore, Angela Fornacciari

 

Angela Fornacciari

TRACCE NEL CUORE

ISBN 978-88-97469-60-5, pp. 78,

prezzo di copertina 8,00.

Collana di poesia ISHTAR

8,00 €
5,60 €
Metti nel carrello
  • disponibile
  • spedizione in 1-3 giorni1


Nei suoi Frammenti Novalis scrive:«Poesia è poesia», che mi ricorda come nell’Esodo Dio si definisce a Mosè:«Io sono colui che sono». Anche Tracce nel cuore è poesia, intendo autentica poesia. Ma non so dire perché.

            Ho conosciuto Angela come allieva universitaria e soprattutto durante il lavoro di tesi di laurea. Forse ora capisco di più: il vivo interesse, almeno, per gli archetipi della parola sua e nostra, cioè lo spingere la sonda nel fondo della scrittura della crisi che riguarda la contemporaneità, ossia quella tra Otto e Novecento. Ora capisco che non è stato soltanto per questione di studio.

Nell’indefinibile poetico, assoluto e individuale, il poeta sa guardare le cose, il loro accadere fuori e dentro, per ‘riguardarle’, per ‘riudirle’[Resti d’infanzia]. Non per niente, la sezione ultima, di eventi che si esauriscono fulminei in un manipolo di versi, si chiama Pensieri istantanei. La singola scheggia, sebbene le sia talora sottratto persino il verbo e stia come fuoco fatuo dentro il grande bianco, diventa pensiero, è cosa che può ri-significarsi per poetica virtù, anche come frammento del vacuo («nella vuota clessidra dei giorni» [Superficialità]), anche nelle mancanze struggenti della esistenza [Notti]: «Un tocco d’infinito / si sprigiona istantaneo / da un’impossibile carezza».

C’è tuttavia un grado ulteriore alle percezioni e al loro introitarsi nell’anima, magari sul filo della memoria, per virtù analogica o simbolica: è l’ascolto delle parole, è la capacità di vedere il segno, il tracciato scritturale delle cose. Vi si giunge senza ostentazione, con la spontaneità di chi usa la lingua delle nutrici (intendo dei precursori), i suoi colori («vivo vite vissute» [Teatrante]), le sue misure e i suoi ritmi. Gli infiniti, ad esempio, di Impressione (‘sentire’, ‘vedere’, ‘domandarsi’…), rimandano al Meriggiare degli Ossi, ma è un Montale fatto natura, lingua madre, rifuso con lacerti leopardiani in un amalgama che, alla fine, è suo, di Angela. E poi gli echi, rime e assonanze e altri suoni (si veda: Resti d’infanzia), provengono da lontano, dai poeti padri, ricorrono ovunque per essere ovunque smentiti, ad indicare un bisogno profondo dell’anima e, insieme, la coscienza di una irreparabile assenza.

Percorre tutta la raccolta, se non erro, una dinamica reattiva, forse anche terapeutica o catartica. Dal margine esistenziale, i componimenti puntano sull’Io, sulla sua integrità, soprattutto sulla sua significanza, confidando sulla parola e affidandosi a un canto variante persino (anche se raramente) nei registri della ironia e della protesta, in uno spettro armonico esteso e oscillante tra gli estremi del dolore e della attesa. Quello che stupisce è lo spessore metapoetico, presente e allo stesso tempo occultato con sapienza nella raccolta, la quale perciò andrebbe assegnata, se non fosse pressoché un ossimoro, a un esordio maturo. Per questa consapevolezza poetica, che è anche abilità tecnica e formale, le dissonanze e le lacune della vita si rivelano senza timore e si ricompongono nei tentativi armonici di una lirica che ci interpella e ci appartiene.

                                                                                                         

Giuseppe Chiecchi

 

 

Angela Fornacciari è nata a Mantova, dove attualmente vive, nel 1979. Una laurea in Filologia e letteratura moderna e contemporanea presso l’Università degli Studi di Verona.

È insegnante e ha lavorato in alcune scuole superiori di Mantova e provincia. Dopo aver partecipato, con un piccolo ruolo, al film Centochiodi di Ermanno Olmi, ha studiato per alcuni anni recitazione presso la Scuola del Teatro Stabile di Verona e presso la Scuola  ARS - Campogalliani di Mantova. Dal 2011 è entrata a far parte, come attrice, della compagnia di prosa del Teatro Minimo di Mantova.

Tracce nel cuore è la sua opera d’esordio. 

Scopri la nostra 

DISTRIBUZIONE

per Librerie e Biblioteche


CATALOGO e-Book Gilgamesh Edizioni

 

CATALOGO DEGLI e-Book Gilgamesh Edizioni

disponibile per l'acquisto immediato.

 

Questa estate leggi un libro Gilgamesh.

 

Clicca qui.

Editore amico e consigliato

Jooble