Poesia. Croce del Sud, Andrea Garbin

 

Andrea Garbin

CROCE DEL SUD

ISBN 978-88-97469-22-3, pp. 68,

prezzo di copertina 8,00.

Collana di poesia ISHTAR

8,00 €
5,60 €
Metti nel carrello
  • disponibile
  • spedizione in 1-3 giorni1

Nella completa spoliazione fra identità e paesaggio, dove il tempo è assente e non restano che segni residuali della natura desertica, Croce Del Sud guida i piedi del viaggiatore verso la via che dona la luce del percorso.

L’invocazione che a lei sale dai versi di Andrea Garbin, è visione luminosa che dissipa il sepolcro  e prende l’anima per mano, guidandola nella infermabilità del viaggio.

Il peregrinare del poeta diviene trasformazione e riscoperta della natura e del corpo. Delle asimmetrie che ne connotano il rapporto. Dove ella si desta nella sua vastità d’orizzonte, lo spazio antropico dell’uomo ha subito di fronte il proprio limite e l’uomo sé stesso. La sua personale lotta interiore.

Saranno altre presenze, come i condor della poesia Torres del Paine, a rivelare una verità oscura: ”Perché dal tuo corpo/voglio estrarre/il caldo nucleo/poetico che questa terra ammanta”. (P.19).

Il  libro  via  via si approfondisce di memorie con l’avanzare del cammino e con le metamorfosi dei paesaggi, i quali sembrano sempre più intimamente traslati nelle parti del corpo del viaggiatore che li attraversa, con un simbolismo visivo che arde di visionarietà. Parimenti, proseguendo, si comprende che la mappatura in atto della cartografia poetica dei luoghi, sfida la morte ed il suo non ritorno e fa nascere nelle soste un’aura mistica e materica delle esperienze di sogno e di risveglio, nelle quali la carne esiliata trova le sue paradossali ragioni esistenziali. Le sue sconfitte ed estasi nella ricerca dell’essere:

Ho veduto parlarmi nelle mani/La strada sporgenza umana che invade/prima il ciglio poi la crosta d’esilio/ fu come un'unica caduta ostile” (P.34).

Eppure il viandante che delinea il poeta sa pure che concretamente il viaggio è come un ponte che costruisca un passaggio fra la morte e un luogo ove non esista più la sofferenza, nel quale tutto si racchiuda e conchiuda il senso terrestre delle nostre vite.

I nove passaggi disseminati da croce del sud, sono altrettanti confronti e raffronti dell’uomo che vuole essere fisicamente e biologicamente la propria natura nel vivente ed incarnare le rocce, le polveri, fino ad una essenza condivisa ed ascoltare anche il dolore delle strade percorse. Da questo punto di vista l’inizio e la fine di questa raccolta è in qualsiasi luogo e non resta che seguire il volo migratorio iniziale per trovare il contatto.

La proiezione dell’occhio per essere subito lettori viaggianti e veggenti.

 

Alberto Mori



Andrea Garbin vive a Castel Goffredo, in provincia di Mantova. Ha pubblicato i seguenti libri di poesia: Il senso della musa (Aletti, 2007); Lattice (Fara, 2008); Viaggio di un guerriero senz’arme (L’arca felice, 2012). Suoi testi sono inclusi nelle antologie Salvezza e impegno e Il valore del tempo nella scrittura a seguito di convegni svoltisi a Fonte Avellana. Collabora con Casa della poesia di Salerno, con Thauma Edizioni, con Volo Press e con il Corriere del Garda. Fa parte del comitato organizzatore del Premio Letterario Giuseppe Acerbi. Sue poesie sono tradotte da Dave Lordan nel libro Poethree presentato in varie città irlandesi nel 2011. Nello stesso anno, una prima selezione dei Canti di Confine è stata tradotta da Jack Hirschman e pubblicata negli Stati Uniti. Ha fondato il Movimento dal sottosuolo, gruppo di poeti e scrittori con cui organizza eventi tra Mantova e Brescia. Si occupa e scrive per il teatro. 



CATALOGO e-Book Gilgamesh Edizioni

 

CATALOGO DEGLI e-Book Gilgamesh Edizioni

disponibile per l'acquisto immediato.

 

Questa estate leggi un libro Gilgamesh.

 

Clicca qui.

Editore amico e consigliato