Poesia. Antologia del Premio Terre di Virgilio IV Edizione, AA. VV.

 

AA. VV.

ANTOLOGIA DEL PREMIO DI POESIA "TERRE DI VIRGILIO" - IV EDIZIONE

ISBN 978-88-6867-313-0, pp. 128,

prezzo di copertina 10,00.

Collana di poesia ISHTAR

10,00 €
Metti nel carrello
  • disponibile
  • spedizione in 1-3 giorni1

Premio Nazionale di Poesia Terra di Virgilio. Quarto atto.

Un Premio unico perché aperto, in due apposite sezioni, L’Ozio degli attivi e Vita di scienza e d’arte, alla poesia di autori noti o esordienti, così come a quella di persone ospiti di strutture protette che praticano la poesia come occasione di riscatto, come pratica di autocura e di reinserimento sociale.

Due sezioni dialogano dunque nella stessa pubblicazione, diversificate dal locus di appartenenza: aperto o protetto.

Protette sono le comunità residenziali sanitarie, le carceri, le strutture riabilitative; protette le vite organizzate all’interno di queste geografie articolate in base a diverse necessità di tutela e assistenza.

Difesa esterna o difesa interna? Luoghi reali eppure eccezionali. Eterotopie le chiamava Michel Foucault per alludere alle utopie collocate nei diversi spazi.

Le due sezioni, che nella contemporaneità dello stesso evento si connettono attraverso il linguaggio poetico, concedono allo spazio e al tempo di riunirsi. “Con le lontananze stesse ci tocchiamo” scriveva Rainer Maria Rilke. Ci tocchiamo in modi insoliti e sorprendenti nella parola, la quale riesce ad aprire le stanze chiuse.

 

Nel luogo della creatività si crea uno spazio vuoto (assolutamente senza vincoli) nel quale si formula il linguaggio del singolo autore in grado di creare un mormorio: parola che non è definizione, ma la sua rarefazione, la sua eterna ombra, la sua eterna luce. La sua aurora.

 

La poesia è un impegno artistico e intellettuale che proietta l’autore oltre sé, oltre il già scritto. Fuori dalla logica comune del dire e fuori dal tempo, persino oltre i confini di una struttura protetta.

Un grande viaggio che i poeti hanno sempre intrapreso con umiltà, senso di verità, riflessione, introspezione, studio, fantasia, creatività. Gli strumenti della poesia sono questi. Gli stessi che tutti coloro che scrivono versi declinano secondo le proprie singole capacità al di là del luogo in cui sgorga la voce lirica.

 

Le aspirazioni del Premio Nazionale di Poesia Terra di Virgilio corrispondono a una precisa ricerca.

Come non chiedersi, infatti, se esistano elementi comuni tra poeti liberi e poeti protetti? Come non domandarsi quali siano le eventuali essenze radicali che muovono le corde di questi o quelli? E poi, quanto vale la mente e quanto contano l’anima e il cuore? Quanto la sapienza e quanto l’ardore? Al di là dei luoghi.

I miti legati alle tenebre e al caos si contrappongono alle divinità della luce. Dall’ombra emergono forme simboliche potenti, metafore inquietanti che ridestano la coscienza, che danno luce a un mondo che altrimenti sarebbe indecifrabile. La poesia attraversa le ombre, emerge dal buio, sorge, si innalza per rendere leggibile ciò che potrebbe restare ignoto. Un innalzamento al sublime, un passaggio di stato che anela alla elevazione spirituale o viceversa al salto nel perturbante, nelle utopie, nelle emozioni, nelle sofferenze. Il rapporto ombra e luce accompagna il cammino dei poeti, sviluppa la pulsione narrativa, provoca il sorgere e la messa in scena della parola.

 

Per cercare di approfondire tali tematiche, nell’ambito di Mantova Poesia – Festival Internazionale Virgilio 2018, di cui il Premio è parte integrante, è programmato il convegno La luminosa ombra della poesia con i contributi di Umberta Bellati, psicologa e psicoterapeuta junghiana; Silvana Ceruti, responsabile del laboratorio di scrittura creativa presso il carcere di Opera a Milano; Flavio Ermini, studioso della poesia e direttore della rivista Anterem; Stefano Ferrari, docente di Psicologia dell’arte e della scrittura presso il DAMS di Bologna;  Rosa Pierno, poetessa, critica nel campo letterario e artistico; Carla Villagrossi, formatrice e studiosa di arti terapie.

Nel convegno saranno esplorati gli ambiti della poesia libera e della poesia confinata; saranno inoltre avanzate ipotesi sulle possibili relazioni tra queste due poetiche, in evidente relazione con lo spirito e i contenuti del Premio Nazionale di Poesia Terra di Virgilio.

 

I testi di alcuni relatori, che saranno poi sviluppati nel convegno, vengono proposti nella presente antologia per dare corpo alla ricerca che anima il Premio stesso.

Tali contributi sono accolti nella parte centrale del volume, non già come spartiacque, ma come anello di congiunzione e di relazione tra le due diverse sezioni dl Premio.

Proseguendo nel rispetto del criterio di alternanza, abbiamo invertito anche quest’anno l’ordine d’impaginazione dell’antologia. I componimenti della sezione Vita di scienza e d’arte, che avevano aperto il volume della passata edizione, sono ora preceduti dalle opere in gara per la sezione L’ozio degli Attivi. Tale alternanza intende sottolineare come basilare l’ottica di partecipazione a questo progetto artistico di integrazione e non l’ordine di apparizione.

Anche quest’anno le poesie vincitrici o riconosciute degne di menzione speciale sono state commentate criticamente da alcuni dei componenti delle giurie.

 

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato al Premio Nazionale di Poesia Terra di Virgilio, testimoniando così la vitalità e la forza della scrittura lirica. 

Scopri la nostra 

DISTRIBUZIONE

per Librerie e Biblioteche


CATALOGO e-Book Gilgamesh Edizioni

 

CATALOGO DEGLI e-Book Gilgamesh Edizioni

disponibile per l'acquisto immediato.

 

Questa estate leggi un libro Gilgamesh.

 

Clicca qui.

Editore amico e consigliato

Jooble